Sei consigli per sprecare meno e vivere meglio

Sei consigli per sprecare meno e vivere meglio

  • Postato: Mar 04, 2020
  • Di:
  • Commenti: 0

Contro lo spreco alimentare siamo chiamati in causa tutti. In cucina e al supermercato bastano semplici accortezze per alleggerire il cestino della spazzatura. 

Lo spreco alimentare è una partita a scacchi che coinvolge proprio tutti. Non serve essere degli esperti giocatori, basta applicare poche e semplicissime regole. Ecco una serie di consigli e mosse antispreco per abbassare il prodotto interno lordo del nostro cestino della spazzatura. Così da fare scacco matto e vivere meglio.

Se 3 X 2 fa spreco, l’affare dov’è???

#1 offertissima? No grazie
Giudizio. Parola fondamentale appena varchiamo la porta d’ingresso del supermercato, soprattutto quando ci troviamo davanti le ammalianti sirene del marketing. Con il loro canto ci invitano a riempire il nostro carrello di offerte irripetibili. Resistiamo. Il modello di riferimento è Ulisse. Tranquilli, non dobbiamo legarci alla prua del carrello o tapparci le orecchie, serve una regola semplicissima: se non siamo sicuri al 100% di consumare i prodotti scontati prima della loro data di scadenza, ringraziamo il dottore, rifiutiamo l’offerta e andiamo avanti.

Se la formazione del frigorifero azzeccherete, il cestino dello spreco alleggerirete

#2 per un frigorifero in forma
Italiani, popolo di santi, poeti, navigatori e soprattutto allenatori. La stessa perizia tattica con cui ogni domenica stiliamo la formazione del fantacalcio, mettiamola anche per la disposizione del cibo in frigorifero. Lo schema in questo caso è uno solo. Dall’alto verso il basso; in attacco uova e formaggi; a centrocampo salumi, pasta e carne già cotta; in difesa carne e pesce fresco; in panchina, nei cassetti, verdura e frutta fresca. I tre punti sono in cassaforte o meglio in frigorifero.

Spesa? Altolà improvvisazione

#3 a firma di…
Passano gli anni, cambiano le mode ma passeggiare per le corsie del supermercato con una lista della spesa scritta a mano si rivela ancora oggi una mossa saggia e giusta. E molto vintage. Prima di stilarla però è fondamentale prendersi un paio di minuti, fare mente locale e verificare lo status quo del frigorifero e della nostra dispensa di casa. Magari scattare qualche foto della situazione in cucina potrebbe aiutare. Il risultato? Una lista tarata sulle nostre reali necessità. Buona scrittura.

Proporzionare è meglio che sprecare

#4 cucina quanto basta
Non esagerare, non esagerare, non esagerare. Prima, durante e dopo la nostra attività ai fornelli ripetiamo come un mantra questa buona pratica e soprattutto ricordiamoci che i piatti abbondati sono un marchio registrato dalle nostre care nonne. Lasciamo a loro questa esclusiva, noi invece teniamo a mente che non stiamo sfamando una squadra di rugby reduce da una sessione di placcaggi e flessioni.

Un preferibilmente è per sempre

#5 attenzione all’etichetta
Leggere è importante anche per far dimagrire la nostra pattumiera. Non serve essere esperti filologi per interpretare le due diciture riportate sull’etichette dei prodotti. Se troviamo “Da consumarsi preferibilmente entro” non facciamo scattare nessun allarme: l’alimento oltre la data riportata potrebbe perdere alcune caratteristiche organolettiche ma può essere consumato senza rischi per la salute. “Da consumarsi entro” invece è un imperativo categorico kantiano. Superata la data riportata il cibo è da cestinare.

Frutta e verdura di stagione per una tavola di buonumore

#6 insegui le stagioni
Un appunto: se d’estate andiamo in giro a maniche corte e d’inverno con sciarpa e maglione, perché a gennaio vaghiamo per il supermercato in cerca di un’anguria? Il sillogismo non fa una piega…allora mangiamo carote, broccoli e via dicendo nel loro periodo di forma migliore. Ne guadagneremo di gusto e sapore. In più terra e ambiente ringraziano. Vi pare poco?

Il pane e i suoi modi di dire

Il pane e i suoi modi di dire

  • Postato: Mar 03, 2020
  • Di:
  • Commenti: 0

Proverbi, massime e modi di dire. La saggezza popolare passa da qui e con la parola pane ha davvero lievitato.
Ecco la nostra rassegna.

Fotografare la realtà in un lampo. Senza tanti giri di parole. È il potere dei modi di dire che con un pizzico di ironia e una ricca dose di saggezza, riescono subito ad arrivare al punto, innescando dei corto circuiti semantici unici.

Oggi passiamo in rassegna quelli che hanno come protagonista la parola pane. Una ricca carrellata di espressioni, capace di raccontare tanto su di noi. Modi di dire, massime, e proverbi che dipingono con simpatia le nostre virtù e segnalano senza timore le nostre debolezze. Preparatevi a sentirne delle belle.

Essere buoni come il pane
È il sogno di ogni maestra delle elementari: insegnare in una classe dal ‘carattere mite e tranquillo’. Insomma piena di studenti buoni come il pane.

Mettere a pane e acqua
D’estate le infinite partite a calcio disputate nel cortile del palazzo si concludevano con l’immancabile esclamazione di mamma. La cena è pronta sbrigati, altrimenti ti metto a pane e acqua! Consiglio? Minaccia? Nel dubbio eravamo subito seduti a tavola.

Dire pane al pane, vino al vino
Tra briefing e conference call, oggi negli uffici per orientarsi bisogna girare con il dizionario d’inglese in tasca. Avviso ai naviganti: riscopriamo la nostra bellissima lingua per ‘parlare in modo più chiaro’.

Essere il pane di qualcuno
La matematica non sarà mai il nostro mestiere. Ma combattere lo spreco alimentare è il nostro pane, cioè il nostro ‘argomento forte’.

Mazz e panell fanno i figli bell
Dalla Lucania una ricetta tramandata da generazioni di genitori per crescere bene i propri figli. ‘Non fargli mai mancare il giusto necessario’, ma quando combinano qualche guaio, ‘un paio di scappellotti’, dati con il cuore, non fanno mai male.

Non è pane per i tuoi denti
È l’espressione con cui si spengono i riflettori su una domenica pomeriggio passata a tentare di aggiustare la lavatrice. Niente da fare, cestelli e tubi di scarico ‘non fanno per noi’. Meglio chiamare l’idraulico. A ognuno i suoi mestieri.

Essere come pane e cacio
Starksy e Hutch, Stanlio e Olio, Batman e Robin, Sandra e Raimondo, Mancini e Vialli. Cosa avevano in comune? Andavano ‘perfettamente d’accordo’.

Le ACLI di Roma con l’ENPAM per la VII Giornata Nazionale di prevenzione dello spreco alimentare

Le ACLI di Roma con l’ENPAM per la VII Giornata Nazionale di prevenzione dello spreco alimentare

  • Postato: Feb 11, 2020
  • Di:
  • Commenti: 0

Da gennaio 2019 a gennaio 2020 le ACLI di Roma e provincia, grazie alla buona pratica replicabile de “Il cibo che serve”, hanno potuto recuperare e ridistribuire 64.319 kg di pane e 36.612 kg di ortofrutta, accompagnando in questo modo circa 1.200.000 pasti in un anno. Un’iniziativa che lievita in modo esponenziale se si considera che i valori annuali risultano triplicati rispetto all’anno di inizio di recupero di ogni tipologia di prodotto (2015 il pane e 2018 frutta e verdura).

Di particolare rilevanza sono i prodotti recuperati dalla filiera di agricoltura BIOLOGICA e BIODINAMICA, che al fianco della frutta e alla verdura recuperata grazie alla collaborazione con il CAR (Centro Agroalimentare di Roma), rappresentano quegli alimenti nobili che consentono alle ACLI di Roma di rispondere all’obiettivo non solo di recuperare cibo, ma di garantire cibo di qualità, un nutrimento sano necessario per la tutela della salute, ma che spesso manca sulle tavole dei più fragili.

Questi risultati sono stati presentati, martedì 5 febbraio 2020, in occasione della VII Giornata Nazionale di Prevenzione allo Spreco Alimentare, nel corso dell’appuntamento che ha visto le ACLI di Roma a fianco dell’ENPAM, in piazza Vittorio Emanuele II 78, per un incontro dedicato al contrasto dello spreco, recupero delle eccedenze e salute. L’iniziativa si colloca nell’ambito del progetto “Piazza della Salute” che Enpam porta avanti dal 2016 per sensibilizzare i cittadini sui corretti stili di vita.

Sono intervenuti il presidente dell’Enpam Alberto Oliveti, il ministro dell’Ambiente Sergio Costa, il sottosegretario Roberto Morassut, il viceministro alla Salute Pierpaolo Sileri, il sottosegretario al Ministero della salute Sandra Zampa, la promotrice della legge nazionale “antispreco” Maria Chiara Gadda, l’ambasciatore presso la rappresentanza d’Italia all’Onu Vincenza Lomonaco, il team leader del “Food Losses and waste technical team, nutrition and food systems division” della Fao Rosa Rolle, e il presidente del “Comitato italiano per il World food program” Vincenzo Sanasi d’Arpe.

Al tema del contrasto allo spreco è stata affiancata anche una riflessione sulle importanti pratiche italiane di recupero e redistribuzione delle eccedenze con una tavola rotonda alla quale hanno partecipato: Lidia Borzì, presidente delle ACLI provinciali di Roma, il coordinatore del progetto ’60 Sei zero’ dell’Università di Bologna, Luca Falasconi e Maurizio Pessato, vicepresidente dell’istituto Swg.

“Il cibo che serve” è quindi un progetto in continua crescita, che va oltre i numeri e che nell’ultimo anno si è ulteriormente sviluppato con la collaborazione dei Centri di Logistica e aziende produttrici attraverso il recupero di generi di prossima scadenza (2/3 mesi) ordinati dalla GDO, ma non consegnati ai punti vendita e quindi salvati dallo smaltimento.

Nel 2019 grazie al progetto è stato recuperato anche pesce fresco e generi di prima necessità tra i quali alimenti per l’infanzia, una grande novità per l’iniziativa che, oltre a rivolgersi alle grandi realtà solidali del territorio, si apre, quindi, anche alla distribuzione diretta alle famiglie in difficoltà incontrate e accolte presso i presidi solidali delle ACLI di Roma presenti soprattutto nelle periferie e nella provincia. Sono proprio le famiglie, infatti, ad essere sempre più a rischio povertà, costantemente ad un passo dal baratro costrette a fare i conti con una quotidianità problematica. Per questo le ACLI di Roma hanno ulteriormente esteso la propria attività di recupero ai mercati rionali ampliando la rete del progetto con il Mercato Montagnola e quattro mercati del Municipio Roma III nei quali si sono svolte anche attività di animazione e sensibilizzazione territoriale per la prevenzione e il contrasto allo spreco. Ad oggi “Il cibo che serve” conta 159 esercizi commerciali71 enti solidali in 11 municipi e 7 comuni della provincia di Roma.

Una dimostrazione di come prevenire lo spreco alimentare anche in ambiente domestico sarà inoltre offerta domani da un gruppo di studenti dell’Istituto Alberghiero Gioberti di Roma, impegnati nella preparazione e illustrazione di un piatto realizzato con eccedenze alimentari recuperate grazie al progetto “Il cibo che serve” delle ACLI di Roma e “Cuor di CAR” del Centro Agroalimentare di Roma.

“Siamo felici di rinnovare – dichiara Lidia Borzì, presidente delle ACLI di Roma aps – anche quest’anno la nostra collaborazione con l’ENPAM per la giornata contro lo spreco alimentare, cibo e salute infatti sono alla base della nostra una buona pratica di economia circolare, per cui il cibo a un passo dal diventare rifiuto, diventa risorsa producendo un valore che vale per quattro: economico, sociale, educativo e ambientale. Un progetto che ha significative ricadute positive non solo per i destinatari finali come le famiglie e le realtà solidali, ma anche per gli esercenti, che concretizzano la loro responsabilità sociale d’impresa e possono avere un vantaggio economico grazie alla legge Gadda, le istituzioni, in particolare i municipi, che si pongono come veri e propri presidi di prossimità ma anche le scuole e l’università, che svolgono importanti attività di sensibilizzazione e prevenzione che è la via principale per contrastare gli spechi”.

“La lotta allo spreco alimentare – dichiara Alberto Oliveti, presidente dell’Ente di previdenza e assistenza dei medici e degli odontoiatri – deve partire dalla formazione, specialmente dei più giovani. Bisogna ricordare infatti che si tratta di un tema che ha un impatto sulla salute, oltre ad avere implicazioni etiche. Noi medici, con la nostra capillarità sul territorio, dobbiamo essere in prima linea nel promuovere uno stile di vista attento nella scelta degli alimenti e nella limitazione degli sprechi. Non a caso sono proprio gli alimenti più salutari i più soggetti ad essere buttati, perché freschi e privi di conservanti.”

 

 

 

 

Omaggio alla Madonna Immacolata, nel segno della lotta agli sprechi alimentari

Omaggio alla Madonna Immacolata, nel segno della lotta agli sprechi alimentari

  • Postato: Dic 06, 2019
  • Di:
  • Commenti: 0

In occasione della festa dell’Immacolata Concezione, domenica prossima, 8 dicembre 2020, i nuclei aziendali delle ACLI di Roma di COTRAL-ATACACEAINPS-INPDAP e il nucleo dipendenti ROMA CAPITALE renderanno omaggio alla statua delle Madonna a Piazza di Spagna.

Alle ore 9 verrà celebrata la Santa Messa presso la chiesa di Trinità dei Monti e sarà presieduta da don Francesco Pesce, incaricato per la Pastorale Sociale e del Lavoro della Diocesi di Roma. Successivamente, com’è tradizione da oltre mezzo secolo una loro rappresentanza in processione scenderà la scalinata di Trinità dei Monti per poi deporre l’omaggio floreale, ai piedi della statua della Vergine in attesa dell’arrivo di Papa Francesco.

Quest’anno il tradizionale omaggio floreale delle ACLI di Roma sarà accompagnato da frutta e verdura per simboleggiare le oltre 35 tonnellate di eccedenze alimentari recuperate grazie alla collaborazione con il Centro Agroalimentare di Roma (CAR) e redistribuite alle realtà solidali con il progetto delle ACLI di Roma “Il cibo che serve”.

“Anche quest’anno – spiega LIDIA BORZÌ, presidente delle ACLI di Roma e provincia – saremo presenti per offrire il nostro omaggio alla Madonna affidandole simbolicamente i più fragili della nostra comunità, da chi ha perso tutto o non ha mai avuto niente e chi è fortemente a rischio di cadere nel baratro della povertà a causa di una quotidianità sempre più problematica. Rivolgiamo, quindi, i nostri cuori a Maria affinché, attraverso la sua intercessione, possa esserci un futuro di Speranza e Luce per tutti coloro che soffrono”.

Estate tempo di bilanci e rilancio per il progetto “Il cibo che serve”

Estate tempo di bilanci e rilancio per il progetto “Il cibo che serve”

  • Postato: Ago 28, 2019
  • Di:
  • Commenti: 0

In 14 mesi, da maggio 2018 a luglio 2019, la collaborazione tra le ACLI di Roma aps e il Centro Agroalimentare di Roma (CAR), nata nell’ambito del progetto “Il Cibo che Serve” sostenuto dalla Regione Lazio, è cresciuta in maniera esponenziale, permettendo in totale il recupero di oltre 23 tonnellate di ortofrutta, ridistribuiti nei circuiti di solidarietà della Capitale.

Delle materie prime recuperate, il 62% sono eccedenze di frutta, mentre il 38% eccedenze di ortaggi e tuberi. Si tratta di cibo rimasto invenduto all’interno del CAR che è stato recuperato grazie al lavoro dei volontari delle ACLI di Roma, ma anche di donazioni degli operatori che lavorano all’interno del Mercato romano grazie anche alla campagna «Cuor di CAR».

Una volta recuperato, il cibo è stato ridistribuito a 61 realtà solidali che operano a Roma e provincia, tra cui 21 parrocchie o associazioni parrocchiali, 13 associazioni di volontariato, 6 mense sociali, 4 strutture per stranieri e anche associazioni religiose non cattoliche, case-famiglia, realtà che assistono su strada i senzatetto, empori solidali, centri diurni, strutture per ex detenuti, case di riposo e presidi solidali ACLI.

Tra le aree della città e della provincia maggiormente coinvolte ci sono il I Municipio, con 15 realtà beneficiarie, l’VIII Municipio, con 11 realtà beneficiarie, il III e il XII Municipio, con 6 realtà, il comune di Guidonia, con 5 realtà, e via via gli altri Municipi e i comuni di Albano Laziale, Bracciano e Mentana.

In totale, il cibo recuperato corrisponde a un valore economico di 45.650€ e a un totale di 11.563 pasti donati. Per la distribuzione, i volontari delle ACLI di Roma hanno utilizzato un furgoncino refrigerato che ha percorso in totale 15.158 km.

“Questi dati che abbiamo raccolto – commenta LIDIA BORZÌ, presidente delle ACLI di Roma aps – sottolineano la forza moltiplicatrice della rete, che grazie alla collaborazione con il CAR, sta dando risultati straordinari. Attraverso questo sistema siamo riusciti a fare in modo che sulle tavole di tante persone in difficoltà siano tornati prodotti preziosi come la frutta e la verdura, che purtroppo sono i primi a sparire in caso di problemi economici. Tutto questo però, senza sostituirci ai tanti enti caritatevoli che agiscono nella nostra città, ma affiancandoli e supportandoli nel loro lavoro. La nostra buona pratica di economia circolare, sperimentata con il progetto “Il cibo che serve”, trasforma gli alimenti destinati a diventare rifiuti, ma ancora buoni da mangiare, in risorse, e supera la logica del mero assistenzialismo, mettendo al centro i legami vivi e producendo così valore relazionale. Seguendo questo modello di inclusione attiva, abbiamo avviato anche dei presidi solidali nella città, in particolare nelle zone periferiche come Rebibbia e Corviale, in cui oltre a fornire risposte immediate nell’emergenza, assicuriamo esigibilità dei diritti e occasioni di aggregazione”.

“È una scommessa vinta – spiega FABIO MASSIMO PALLOTTINI, direttore generale del CAR – insieme alle ACLI di Roma a favore di chi è più fragile. Questo risultato nella raccolta delle eccedenze ci dimostra che insieme, e facendo rete, si può dare una riposta concreta alle tante emergenze che colpiscono la nostra città a partire da chi non ha più la possibilità di fare una pasto completo e soprattutto di consumare frutta e verdure fresche. Abbiamo lanciato la nostra campagna Cuor di CAR anche per essere protagonisti in questa vera e propria battaglia contro lo spreco alimentare e a favore del recupero del cibo anche grazie alla grande disponibilità e generosità degli operatori presenti nel nostro Centro Agrolimentare che non si sono mai tirati indietro e ci hanno sostenuto in questa iniziativa benefica che stiamo portando aventi con le ACLI di Roma”.

QUI PER LA RASSEGNA STAMPA

Tutti a tavola! Il cibo che serve alla Tavolata senza muri

Tutti a tavola! Il cibo che serve alla Tavolata senza muri

  • Postato: Giu 19, 2019
  • Di:
  • Commenti: 0

Accogliere, condividere, includere. Parole che sono risuonate fortissime sabato 15 giugno, durante la seconda edizione della Tavolata senza muri, organizzata da Focsiv-Volontari nel mondo, Municipio Roma I e Movimento adulti scout cattolici (Masci).

Per l’occasione via della Conciliazione si è trasformata in una sala da pranzo unica. Le due tavolate di 270 metri, allestite tra via Rusticucci e via Traspontina, hanno accolto oltre 1300 persone di religione e culture diverse, sedute una affianco all’altra a tavola per vivere un momento convivialità e condivisione. Tutti insieme.

All’ombra del Cupolone, Roma  si è mostrata nel suo volto più autentico, ribadendo a chiare lettere la sua capacità di essere una città che integra e che è pronta ad abbattere il muro del razzismo per alzare invece ponti di accoglienza e inclusione.

Un’occasione davvero speciale, a cui il nostro progetto non poteva non prendere a parte. Ok, la sveglia è suonata un po’ più presto del solito, ma tutti gli sforzi mattinieri per alzarsi dal letto sono stati ben ripagati. Abbiamo vissuto un pranzo che custodiremo gelosamente nel nostro cassetto dei ricordi.

Grazie all’energia della nostra squadra di volontari e alla preziosa collaborazione con il Centro Agroalimentare Roma, abbiamo messo a tavola frutta e verdura fresca. Una giornata passata a correre su e giù per le due lunghissime tavolate, e a scoprire ancora una volta quanti sono i significati della parola accoglienza.

 Alla prossima.

Da progetto a impegno

Da progetto a impegno

  • Postato: Giu 06, 2019
  • Di:
  • Commenti: 0

Ringraziamo la Regione Lazio per aver finanziato “Il cibo che serve” durante gli ultimi 15 mesi, permettendoci di acquistare un furgone refrigerato con certificato ATP per la distribuzione dei cibi freschi in scadenza, e di promuovere, nell’ambito del progetto, diversi percorsi di inclusione attiva a favore di chi vive in condizioni di difficoltà nella città di Roma.

La nostra azione di contrasto alla povertà e di recupero delle eccedenze alimentari però non può arrestarsi. Come  ripete il ritornello della canzone rap delle ACLI di Roma, C’è tanto da fare in questa Roma da amare… e allora vietato concedersi pause. Da adesso il nostro progetto diventa un impegno, che continueremo a portare avanti tutti i giorni per offrire un aiuto concreto a sostegno delle tante e diverse fragilità presenti nella Capitale.

Un impegno che rispetteremo mettendo in campo l’azione continua della nostra rete solidale, l’energia impareggiabile del nostro staff e del nostro team di volontari, e la collaborazione  con il Centro Agroalimentare Roma, sempre carica di ottimi frutti.

Presto vi racconteremo tutto il lavoro svolto in questi mesi, intanto la nostra macchina anti spreco continua a viaggiare!

Lo slideshow di questi mesi

Ai Castelli Romani, la nostra gita senza barriere

Ai Castelli Romani, la nostra gita senza barriere

  • Postato: Mag 27, 2019
  • Di:
  • Commenti: 0

“Non di solo pane vive l’uomo” (Matteo 4, 4 e Luca 4, 4).

Nonostante il meteo non sia stato proprio dalla nostra parte, lunedì 13 maggio, abbiamo vissuto una giornata piena di sole che spiega appieno il senso del nostro impegno: superare l’assistenzialismo per mettere al centro i legami vivi, destinati a durare nel tempo.

Così con Il cibo che serve siamo andati oltre il recupero alimentare, più precisamente abbiamo bussato alle porte dei Castelli Romani in compagnia di 80 ospiti, tra persone disabili, accompagnatori e volontari della Parrocchia Nostra Signora di Coromoto, dove è attivo uno dei sei Presidi Solidali. A fare da sfondo le bellezze artistiche dei Colli Albani. Come colonna sonora invece sorrisi, risate e un’ondata di parole piene di speranza e di voglia di stare insieme. Queste sono le stelle attorno a cui gravita ogni azione del nostro progetto.

E anche questa volta siamo tornati a casa con la consapevolezza di aver ricevuto di più di quello che abbiamo donato.

Leggi la rassegna stampa

Castelli senza barriere: giornata culturale di socializzazione ai Castelli Romani

Castelli senza barriere: giornata culturale di socializzazione ai Castelli Romani

  • Postato: Mag 10, 2019
  • Di:
  • Commenti: 0

Lunedì, 13 maggio 2019, le ACLI di Roma e provincia organizzeranno una giornata culturale di socializzazione ai Castelli Romani per persone con disabilità della periferia romana. Lo slogan della giornata è Castelli senza barriere.

Alla giornata parteciperanno oltre 40 disabili insieme ai loro accompagnatori e ad alcuni volontari del “Gruppo Amici San Giovanni di Dio”, attivo da vent’anni nella parrocchia Nostra Signora di Coromoto, che riunisce disabili provenienti da diverse Case Famiglia della Capitale.

Il programma prevede la partenza alle ore 9 dalla Parrocchia Nostra Signora di Coromoto (Largo Nostra Signora di Coromoto, 2) per realizzare un itinerario tra le bellezze artistiche e i sapori della zona dei Castelli Romani, da sempre meta che attira i turisti di ogni Paese che scelgono di soggiornare a Roma. È prevista anche la visita guidata a Palazzo Chigi, residenza storica situata nel centro di Ariccia, che rappresenta un esempio unico di dimora barocca rimasta inalterata nei secoli.

La giornata viene proposta all’interno del progetto “Il cibo che serve”, organizzato dalla stessa associazione e finanziato dalla Regione Lazio nell’ambito del bando per il contrasto delle povertà estreme e della marginalità sociale. L’iniziativa rientra nei percorsi di inclusione attiva, ascolto e sostegno del progetto ed è organizzata grazie alla collaborazione con il presidio solidale, attivo con “Il cibo che serve”, presso la Parrocchia Nostra Signora di Coromoto.

Parteciperanno: FRANCESCO PAPPALARDO, responsabile amministrativo delle ACLI di Roma con delega alla disabilità, ALESSANDRA DE MARIA, responsabile di progetto de “Il cibo che serve” e CARLOTTA MASCARETTI, operatore di rete de “Il cibo che serve” ed esperta di Beni Culturali.

“Siamo molto legati – dichiara LIDIA BORZÌ, presidente delle ACLI di Roma e provincia – a iniziative del genere perché rispecchiano a pieno la vera mission delle ACLI di Roma, cioè quella di promuovere inclusione attiva, partendo dai bisogni primari dei più fragili. Ancora oggi in Italia, purtroppo, le persone con disabilità si trovano a scontrarsi quotidianamente contro muri materiali, economici e relazionali, senza trovare un sostegno completamente attivo e consapevole da parte della società”.

“Nei sei presidi solidali – aggiunge BORZÌ – attivi grazie a «Il cibo che serve», superiamo la logica dell’assistenzialismo e mettiamo al centro del nostro impegno i legami vivi. Infatti facciamo in modo che la redistribuzione di generi alimentari diventi un tramite per mettere le persone in difficoltà all’interno di un sistema di protezione sociale, che oltre ad offrire risposte immediate nell’emergenza, garantisce l’esigibilità dei diritti, realizza occasioni di aggregazione, e ci consente contemporaneamente di essere un pungolo costante per le Istituzioni. Siamo convinti che portare avanti questo modello di azione sociale sia fondamentale per costruire una Roma più accogliente, capace di tessere relazioni solidali, non lasciando indietro nessuno”.

La locandina dell’evento 

La rassegna stampa

 

 

Carichi di energia e di zucchine

Carichi di energia e di zucchine

  • Postato: Mag 03, 2019
  • Di:
  • Commenti: 0

Casa Famiglia Lodovico Pavoni dona il Cibo che serve smista. E’ questo lo schema solidale con cui abbiamo chiuso questa settimana di lotta allo spreco alimentare e grazie al quale abbiamo distribuito 400 kg di zucchine agli enti di prossimità in rete con il nostro progetto.

Questa mattina la sveglia è suonata presto per i nostri volontari che si sono diretti a Guidonia per consegnare il carico, alle Parrocchie Sacro Cuore di Gesù, San Giuseppe Artigiano, San Luigi Gonzaga e Cristo Re. A fare da tramite il nostro presidio solidale attivo presso il Centro Agroalimentare Roma.

Nel pomeriggio il gps del nostro furgone anti spreco ha puntato verso Roma per consegnare la verdura recuperata alla Parrocchia Nostra Signora di Lourdes, all’Associazione CHE Guevara ONLUS, alla Chiesa Battista Garbatella, e alla Congregazione Delle Pie Discepole Del Divin Maestro di Corviale.

Sempre di corsa ma sempre accompagnati da un bel sorriso.

Pagina 3 di 912345...Ultima »