Pane a Chi Serve: raccolte quasi 30 tonnellate nei primi 6 mesi del 2016

Pane a Chi Serve: raccolte quasi 30 tonnellate nei primi 6 mesi del 2016

Secondo i dati raccolti dalle ACLI di Roma, nel corso dei primi 6 mesi del 2016 il Pane a Chi Serve ha raccolto e redistribuito quasi 30 tonnellate di pane, per la precisione 29.464 kg di pane raccolto. Il che significa che mediamente con Il Pane a Chi Serve operatori e volontari delle ACLI di Roma e delle associazioni che partecipano al progetto riescono a raccogliere mediamente 5 tonnellate di pane al mese.

La maggior quantità di pane raccolto è stata registrata nei mesi di Febbraio, Marzo e Aprile, con oltre 5 tonnellate di pane redistribuito, mentre con l’estate, l’arrivo delle vacanze e il rallentamento di alcune attività, anche la quantità di pane raccolto e redistribuito è diminuita.

Semestrale_pane

Il Pane a Chi Serve però non va in vacanza: nel solo mese di Luglio 2016 sono stati raccolti 3.576 kg di pane e anche nel mese di Agosto operatori e volontari delle ACLI di Roma e delle associazioni che partecipano al progetto sono attivi, accanto ai panificatori e ai forni che non chiudono per ferie. Se volete contattare direttamente gli operatori di progetto inviate una mail a info@ilpaneachiserve.it o visitate la nostra pagina Facebook.

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS
Tag:, , ,
Contro lo spreco della frutta che non è “abbastanza bella”: ecco cosa si fa in Europa

Contro lo spreco della frutta che non è “abbastanza bella”: ecco cosa si fa in Europa

“L’abito non fa il monaco”. Un proverbio ascoltato e pronunciato milioni di volte. Peccato però che risulti sconosciuto alle leggi europee relative al commercio di frutta e verdura e alle norme auto imposte dalle grandi catene di distribuzione.

Nonostante un alleggerimento delle leggi 10 tipi di frutta e verdura (il 75% del mercato) devono rispondere ancora a determinati standard estetici. Non è sufficiente che siano comunque sani e buoni. Quindi melanzane deformi, mele grottesche e peperoni bitorzoluti assolutamente commestibili, dal campo di coltivazione prendono la strada per la discarica senza finire sulle tavole dei consumatori.

Un “delitto” alimentare in piena regola con un impatto ambientale decisamente  negativo.

Non tutti però restano immobili davanti questo spreco. Una risposta convincente arriva da Lisbona, dove l’ingegnere ambientale Isabel Soares con un gruppo di volontari ha fondato “Fruta Feia”. Il meccanismo della cooperativa è semplice: i volontari comprano direttamente dagli agricoltori vicino alla capitale portoghese  i prodotti ortofrutticoli, scartati dal mercato, a costi ribassati e li rivendono ai loro soci in apposite casse a prezzi contenuti. Si dribblano così le norme europee che si applicano ai prodotti confezionati e non a quelli sfusi.

La filosofia di “Fruta Feia” non è isolata. In principio fu la catena di supermercati  francesi “Intermarchè” a dare una seconda occasione a frutta e verdura dall’aspetto bizzarro. Sull’onda di una campagna pubblicitaria che valorizza le qualità della mela “grottesca”, del limone “fallito”, della patata “ridicola” e della melanzana “sfigurata”, la terza catena di supermercati francesi ha dedicato un apposito banco a questi prodotti, scontandoli del 30%. Un’idea  ripresa anche dalla Germania grazie ad “Ugly Fruits” e dalla Gran Bretagna. In California, invece, pacchi di ortaggi e frutta, non graziati da Madre Natura , sono venduti  dall’azienda “Imperfect Produce” nelle città della regione di San Francisco. I risultati? Un successo con la S maiuscola.

In fondo l’aspetto esteriore non è tutto, specie quando si tratta di cibo.

Fonti:

Corriere della Sera Ambiente

Corriere Sociale

 

 

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS
Tag:, ,