Lotta allo spreco, l’esperienza dei “frigoriferi della solidarietà”

Lotta allo spreco, l’esperienza dei “frigoriferi della solidarietà”

Combattere lo spreco alimentare e aiutare i più bisognosi ad accedere alle riserve di cibo. E’ questa la missione dei “frigoriferi della solidarietà”, ultima frontiera del “food sharing”.

Battezata a Berlino nel quartiere di Kreuzberg da un gruppo di volontari, “Food Savers”, l’iniziativa ha avuto subito un buon seguito, sbarcando in diverse parti del mondo; in Spagna a Galdakao, nella comunità autonoma di Murcia, in Olanda e pochi mesi fa anche nella città di Goìas in Brasile, grazie a Fernando Barcelos, imprenditore brasiliano.
Posizionati ai lati del marciapiede i frigoriferi solidali sono accessibili a tutti 24 ore su 24. Chiunque può essere protagonista: dai gestori di bar, ristoranti, supermercati, ai semplici cittadini, che, invece, di sprecare il cibo in eccesso decidono di metterlo gratuitamente a disposizione della comunità. Il risultato? Frigoriferi sempre pieni e presi d’assalto ad ogni ora, dai senza tetto e da chi non può permettersi di fare quotidianamente la spesa. Soddisfatti anche gli affamati occasionali che ne approfittano per uno spuntino veloce.

Le regole, poche e chiare. Non si possono lasciare carne cruda, uova, pesce, prodotti confezionati e in lattina senza data di scadenza e cibi già scaduti. Sono benvenute le pietanze preparate in casa, ad una sola condizione che sia indicata la data di preparazione. Ai volontari il compito di controllare quotidianamente che tutto sia in ordine.
Un’idea semplice, geniale, e che accontenta tutti.
Perché non prenderla come esempio?

Fonti:

Corriere Sociale

Terranuova

 

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS
Tag:,